Gli effetti del cibo sul corpo

La lettrice di visi, di organi e di cibi

La diagnosi orientale per: la lettura del viso

Specchio specchio delle mie brame chi è la più bella del reame?
Ti ricordi la strega “cattiva” di Biancaneve e i sette nani, che si guardava allo specchio e non si piaceva?

GREEN BAY WI - FEBRUARY 10: Wicked Witch casting a spell in Snow White at the Disney Princesses show at the Resch Center on February 10 2012 in Green Bay Wisconsin. ** Note: Slight blurriness, best at smaller sizes

Ecco non conosceva Silvia e Miriam!
Se avesse messo in pratica i facili esercizi di Miriam (una appassionata studiosa e professionista della Reflessologia viso e plantare) e avesse seguito i suggerimenti alimentari di Silvia sicuramente non sarebbe raggrinzita così anno dopo anno e soprattutto avrebbe preso coscienza del fatto che ogni linea del suo volto le presagiva un certo tipo di destino se non avesse operato dei cambiamenti.
Magari se avesse scelto a colazione, a pranzo e a cena, cereali verdure e legumi (o se fosse andata a mangiare alla biogastronomia Sale in Zucca da Laura) sarebbe diventata più buona, meno centrata sull’ego, si sarebbe riconciliata con il suo passato e avrebbe fatto pace con la sua parte d’ombra.

La lettura delle linee del viso affonda le sue radici in antiche tradizioni curative,  religiose, culturali e filosofiche, soprattutto del Giappone, della Corea, della Cina e dell’India.
Ogni linea del nostro volto, ogni cambio di colore, ogni segno, ogni parte che cede, si rilassa o rimane tonica, ci racconta di noi, della nostra vita e del cibo che abbiamo mangiato fin da quando eravamo piccoli.
Queste correlazioni per me sono state strabilianti e stupefacenti.
Spesso  Martin Halsey nei suoi corsi alla scuola la Sana Gola di Milano tirava fuori la foto di un personaggio famoso e cominciava a narrare quali cibi il personaggio mangiava in sovrabbondanza, che organi aveva in sovraccarico, quali indeboliti, che modifiche alla propria alimentazione doveva apportare per stare meglio e soprattutto prevenire eventuali disturbi.
E dopo la sua diagnosi passava la palla a noi che ci esercitavamo con i vicini di banco a guardarci in faccia e a narrarci che cosa era opportuno cambiare nella propria alimentazione per creare più armonia e salute.
<<Durante il periodo fetale ed embrionale, l’ombelico funge da centro dell’intera struttura corporea. Al momento del parto e subito dopo la nascita, questo centro si sposta verso la regione del collo e della bocca. Da questa area si sviluppano le estensioni superiori ed inferiori – la testa come sfera superiore e il resto del corpo come sfera inferiore. Di conseguenza, sono in perfetta correlazione tra di loro con la parte inferiore della testa che riflette la parte superiore del corpo (a eccezione della bocca e della cavità boccale, che rivelano le condizioni del sistema digerente), la parte mediana della testa riflette la zona mediana del corpo; mentre la parte superiore della testa la parte inferiore del corpo. In base a questo principio, ciascuna area del viso manifesta le condizioni di ogni organo, con le sue relative funzioni>> racconta in  “Il corpo non mente” Michio Kushi, edizioni mediterranee.
Dopo ogni corso di Martin andavo in giro con Leonardo, mio marito, e gli raccontavo cosa mangiava per lo più la persona che avevo davanti e molto spesso se avevo un po’ di confidenza (in realtà lo faccio tutt’oggi) gli chiedevo se aveva mangiato tanto pane nella sua vita o tante banane o gelati o formaggi o carne o latticini o zuccheri (dovevo allenarmi per l’esame).

Clipart picture of a detective cartoon character holding a magnifying glass with circle shape

Le prime volte Leonardo rimaneva a bocca aperta poi anche lui in base alle mie dritte ha cominciato a dire agli amici: <<Guarda mi sa che tu esageri con questo o quest’altro alimento e li stupiva azzeccandoci e molti dicevano che era arrivato il momento di cambiare abitudini alimentari (molti dei nostri amici e parenti lo hanno fatto almeno un po’ e stanno tutti meglio!)>>, perché ovviamente a noi vengono a parlare tutti dei loro disturbi  di salute .

Ti invito quindi ad una serata geniale dove io, insieme a Miriam Colombari, una donna e una professionista fantastica, profonda conoscitrice di tecniche di reflessologia viso e plantare (oltre che di Massaggio Metamorfico, Massaggio Hawaiano, Floriterapia di Bach e  Danze Sacre e Meditative in cerchio) ti condurremo in un affascinate viaggio alla scoperta di: cosa significano le linee del volto e quali organi riflettono, che cosa bisogna mangiare e mettere in pratica per aver uno viso radioso, specchio di un corpo che funziona al meglio.

Love, trust, care
Silvia

P.S: Martedi 29 novembre sarà anche la nostra ultima serata dell’anno. Vieni anche perché ti daremo anche delle idee illuminati per il tuo Natale e soprattutto un abbraccio forte e un augurio per un nuovo anno in gioiosa salute.

P.P.S: la rice diet sta riscuotendo un successo pazzesco… dai dai a chi non si è ancora buttato! È facileeeeeeeeeeeeee ..qui di seguito due foto di miei due piatti di rice diet per chi non avesse facebook per mostrare che è bello praticare per tre giorni un po’ di sana semplicità e poi si vede la vita con una luce e uno sprint nuovi.
Io la faccio ogni mese, ho finito ieri. E oggi mi sento piena di energia.

La prima foto è riso integrale con crema di zucca e cipolla con gomasio senza olio, solo un po’ di tamari e cavolo saltato con un po’ di acqua di zuppa di miso e sale.
img-20161107-wa0008
img-20161107-wa0009