Blog, Gli effetti del cibo sul corpo, Non categorizzato, Organizzare una cucina naturale

Preparati all’estate con me!

Quali sono i cereali e i legumi che più ti possono aiutare in questi mesi ad essere in armonia con la natura e a sentirti e vederti in forma?

Per l’antica medicina tradizionale cinese, in questo periodo siamo immersi in un tipo di energia chiamata “Legno”, che corrisponde, appunto, all’energia della primavera.

Gli antichi cinesi erano molto poetici.

Riferendosi alle stagioni associavano a ognuna l’elemento della natura che, in quel periodo dell’anno, veniva più stimolato dai cambiamenti climatici e terrestri.

In primavera, i protagonisti sono gli alberi che rinascono e si colorano di foglie e fiori, e di conseguenza l’elemento della natura che essi associano al periodo primaverile è il materiale di cui sono fatti gli alberi: il legno dei loro tronchi.

Attraverso l’osservazione della natura quindi, gli antichi cinesi hanno compreso che ogni stagione ha un’energia trasformativa e delle caratteristiche particolari, capaci di influire in modo diverso sul nostro corpo attraverso la stimolazione di organi specifici.

Qual è l’organo nel nostro corpo che più di ogni altro esprime l’energia legno e quindi l’energia della primavera?

Quello più sollecitato da marzo a giugno, ovvero il fegato!

Ma non solo: il fegato viene sollecitato insieme al suo organo – partner, la sua “sorellina”, cioè la vescicola biliare o cistifellea.

Cosa significa che un organo, in un determinato periodo dell’anno, viene maggiormente sollecitato rispetto a un altro? Semplicemente, che vengono acuiti i sintomi e i problemi a esso collegati.

Per fare un esempio pratico: quando in noi non fluisce correttamente l’energia legno che governa il fegato e la nostra cistifellea, durante il periodo primaverile ci sentiamo stanchi e siamo più soggetti alle allergie, in particolare a maggio.

Non ti è mai capitato di trovarti in mezzo a un campo e iniziare a starnutire a oltranza?

Bene, questo è un sintomo dell’energia legno in disequilibrio.

Quindi cosa possiamo fare per goderci la primavera senza soffiarci il naso per le allergie ogni due per tre, liberi dai mal di testa ricorrenti e dalle gambe molli di stanchezza?

A dire la verità, molto, a partire dalle nostre scelte alimentari quotidiane!

Anche se ti sembrerà strano, il cibo di cui ci nutriamo dal momento in cui ci alziamo a quando andiamo a dormire è un grande alleato nel sciogliere gli effetti negativi più comuni legati alla primavera.

Il mio primo consiglio, è di iniziare a usare uno dei cereali più in sintonia con l’energia della Primavera e quindi con l’energia Legno: l’orzo!

L’orzo è un cereale che si semina proprio in primavera che per questo ci aiuta ad armonizzarci con l’energia della natura di questo periodo dell’anno.

Facilmente digeribile, molto nutritivo, ricchissimo di fosforo, magnesio, potassio, calcio, ferro, e vitamina A, aiuta a remineralizzare le ossa e ha ottime proprietà anti-infiammatorie e rinfrescanti.

Quando il flusso dell’energia legno nel nostro corpo è ostacolato, perché abbiamo mangiato in modo disordinato o esagerato con dolci, prodotti da forno oppure tanti grassi animali, il nostro fegato ci fa sentire caldo. Ci troviamo sudati, accaldati e probabilmente spossati già al primo raggio di sole.

La strategia migliore?

Rinfrescare il nostro corpo con una deliziosa preparazione con l’orzo, che ci aiuta a superare la primavera ma soprattutto ci prepara all’estate. Iniziare già da ora a introdurre un cereale rifrescante nel nostro corpo infatti, ci permetterà di arrivare all’estate pronti per vivere al meglio le alte temperature.

Come si usa l’orzo?

  1. al mattino, in forma di fiocchi o di cornaflakes in veloci porridge arricchiti da frutta di stagione e una golosa granella di mandorle tostate
  1. a pranzo o a cena, lavato e messo a bagno la sera prima (se decorticato) e cotto il giorno dopo con il doppio di acqua, un pizzico di sale e poi saltato con delle fave, dei piselli freschi o secchi, della soia verde (i legumi di stagione), e qualche verdurina. Se poi ci aggiungiamo anche con un trito di erba cipollina e basilico non ci potremmo non leccare le dita

Il colore dell’energia Legno è il verde, quindi creare dei piatti dove predomina questo colore aiuta l’energia del fegato e della cistifellea a scorrere meglio, così noi ci sentiremo più leggeri.

>>> Leggi l’articolo sul Volantino Biobottega!

E come stile di cottura da prediligere?

Il saltato ovvero dopo aver cotto separatamente il cereale e il legume, cuociamo con un dito di acqua, un pizzico di sale e olio il trito di erba cipollina e basilico, dopo qualche minuto aggiungere sopra l’orzo e il legume preferito, aggiungere un dito di acqua e se necessario olio, coprire 5 minuti, girare poi vigorosamente e servire con una spolverata di basilico fresco.

Se non sei abituato alle fibre o preferisci preparazioni più veloci a causa della fretta, puoi iniziare con l’orzo perlato, che è la versione un po’ più raffinata, leggera ed estiva dell’orzo.

E per aiutare questa energia a scorrere nel nostro corpo, possiamo concludere i nostri pasti con un bel caffe d’orzo dolcificato con un pochino di malto d’orzo : un’altra utilissima strategia da usare quando si ha voglia di dolce dopo i pasti, a metà mattina o a metà pomeriggio.

Ti auguro di divertirti con i piccoli spunti che ho condiviso con te, e di sentirti meglio armonizzandoti con l’energia legno della primavera!

Se vuoi saperne di più vieni martedì 5 giugno in Biobottega di corso adriatico 26! Ti aspetto alle 18 per accompagnarti a scoprire una lista della spesa sgonfiante e parlarti di cereali, verdure e legumi e alcuni segreti e trucchi per aiutare a sciogliere i grassi e i gli accumuli di abitudini alimentari pesanti e disordinati. Scopri di più sull’evento qui.

Love, trust, care

Silvia

P.S: e se vuoi avere una strategia alimentare personalizzata chiamami per un appuntamento, anche via skipe. Seguo già da tempo persone in tutta Italia, in Europa e negli Stati Uniti che, con grande soddisfazione, continuano a seguirmi abbonandosi anche al programma del Menù naturale organizzato.